Dio ha creato un mondo perfetto

“Dio ha creato un mondo perfetto”. Questa è una affermazione davanti alla quale i più storcono il naso e scuotono la testa. Dove sono i veri credenti convinti della veridicità di questa affermazione? La maggioranza degli uomini si concentrano sul presente e dimenticano da dove vengono e cosa hanno seminato per strada. Nel mondo perfetto di Dio vi era una natura perfetta e un uomo perfetto. Tutto nell’arco dei millenni si è trasformato in peggio e l’uomo non ha saputo mantenere quello che Dio ha regalato con tanto amore. Oggi si leggono le notizie con l’ottica del critico che deve per forza dare la colpa a qualcuno dei malesseri del mondo. E la colpa ricade sempre su Dio, come se fosse sempre Lui l’autore sadico delle nostre sventure. C’è un terremoto, muore un bimbo, la fame falcia le persone, i malvagi governano sul mondo e perfino il sacrificio di Cristo vengono visti come l’azione di un vecchio maniaco che si diverte a seminare sofferenza. Dice il saggio: “Chi semina vento raccoglie tempesta” e questo è il tempo nel quale l’uragano che abbiamo creato rischia di spazzarci via dalla faccia della terra. A Dio non costerebbe niente rimettere a posto le cose, ma ditemi, perché dovrebbe farlo? Se vi sono bimbi che muoiono di fame, vuol dire che ve ne sono altri che producono quintali di rifiuti. Se migliaia di uomini muoiono di malattie è perché altri hanno inquinato i cibi per ricavarne maggior profitto. Se vi sono disastrosi terremoti è perché l’uomo ha sconvolto la terra con centinaia di esperimenti nucleari. Noi vediamo sempre la vita dalla nostra parte, per un attimo (senza presunzione) cerchiamo di vederla dalla parte di Dio. La morte per noi è un dramma, per Dio invece è l’unica maniera che ha per riprendersi accanto i propri figli. La sofferenza per noi è un calvario, per Dio invece è la strada verso il Paradiso per migliaia di anime. Se non mettiamo le cose al proprio posto rischiamo di non capire più nulla e la totale confusione ci porterebbe anche a criticare Dio per aver creato animali feroci e serpenti dal morso mortale. Dio ha messo ogni cosa al posto giusto, noi facciamo di tutto per modificare ogni cosa per un nostro piacere personale. Ribelli, siamo una popolazione di ribelli e nella nostra agitazione perdiamo di vista l’amore eterno e smisurato che Dio Padre ha per noi. Non crediamo nemmeno più ai miracoli, pensiamo che siano opera del caso o peggio ancora della bravura degli uomini.  Dio ci chiama alla riflessione, Dio ci chiama continuamente, spegniamo per un attimo il mondo e ascoltiamolo. Pace